Ciambelline al vino dolce e cardamomo

IMG_20140520_205633

Oggi ho inventato una nuova ricetta e la posto subito qui! MrGrass ha cenato con queste, ok che forse è di parte, ma devo dire che sono venute molto bene. Questa è una ricetta molto particolare, che è nata dalla mia voglia di replicare le “Ciambelline al vino di Frascati” che un giorno la mia capa ha portato in ufficio. Mi erano piaciute un sacco e ho guardato un po’ di ricette, poi ho deciso di arrivare a questa modifica, anche per usare la farina di orzo bio che ho preso con il gas e che fino ad ora ho usato solo per una ciambella con le nocciole. Una nota: io non le ho passate nello zucchero di canna prima di infornarle, ma vi consiglio di farlo, perchè sono davvero poco dolci e così migliorano. Certo, si possono anche intingere nella crema pasticcera, nella cioccolata o nel vin santo (alcool al quadrato)….

TEMPO:

Ingredienti per 50 ciambelline

300 g farina 00
200 g farina d’orzo
1 bicchiere vino bianco (sono circa 175 ml)
125 ml di olio leggero ovvero: mais, oliva (es. del Garda), riso (circa 3/4 di bicchiere)
1 bicchiere di zucchero di canna
1 cucchiaino di lievito
1 pizzico di sale
5 capsule di cardamomo

  1. Accendere il forno a 150 gradi.
  2. In una terrina mettere le farine, il pizzico di sale e il lievito.
  3. Aprire le capsule di cardamomo, mettere i semini nel vino.
  4. Non buttare le capsule esterne del cardamomo, ma metterle in un mixer e tritarle con lo zucchero di canna.
  5. Nella terrina aggiungere lo zucchero, poi mettere il vino e l’olio e mescolare con l’aiuto di una forchetta.
  6. Impastare un poco a mano, poi tagliare un pezzetto di pasta alla volta e formare man mano vari serpentelli. Attenzione a non farle troppo sottili, meglio che abbiano il diametro del vostro pollice, per capirci.
  7.  Chiudere i serpentelli come se fossero tarallini e metterli su una teglia coperta da carta da forno (a me sono servite due teglie, in totale 50 ciambelline).
  8. Infornarle per 20 minuti, a metà controllare che non sia troppo scuro il lato che poggia sulla teglia, in caso alzare la teglia di una posizione nel forno di modo che cuociano di più sul lato superiore.
  9. Io l’ho messa fin dall’inizio sul ripiano più alto di quello dove cuocio di solito le torte e sono venute perfette. Adesso vi manca solo una bella tisana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *