Polpette con finocchio, salmone e dragoncello

IMG_20140316_150405

Ecco fresca fresca un’altra delle ricette che ho inventato per non buttare nulla. Mentre la facevo mi è venuto in mente il famoso blog ecocucina di Lisa Casali. Le polpette sono un po’ un classico del riciclo, ma queste hanno un tocco di classe grazie al dragoncello, e devo dire che sono venute ancor più buone delle mie aspettative, morbide dentro e con una bella crosticina fuori. Le ho preparate ieri sera, volevo finirle oggi a pranzo ma MrGrass mi ha guardato torvo sentenziando “sono il mio pranzo di domani al lavoro”.

TEMPO: 15 min preparazione + 2 h riposo (facoltativo) + 10 min cottura

Ingredienti per 16 polpette (nb. ho pesato gli ingredienti per scrivere la ricetta qui, ma si può fare un po’ ad occhio)

160-180 g di pesce cotto (io ho usato un trancio di salmone avanzato)
260 – 280 g di finocchio, le foglie più esterne e dure che spesso si buttano
60-80 gr di pan grattato+ 2 cucchiai per la panatura in forno
2 uova intere
2 cucchiai di yogurt bianco
1 cucchiaio da cucina di dragoncello essiccato
sale e pepe
olio evo per spennellare

Preparazione

  1. Lavare, togliere i fili più resistenti e tritare le foglie dure del finocchio, fino a ridurle ai piccoli dadini, come quelli delle verdure per il soffritto.
  2. Porre il finocchio in una ciotola, tritare il pesce cotto ed aggiungerlo al finocchio, insieme al pangrattato.
  3. Aggiungere lo yogurt, il sale, il pepe e il dragoncello, e per ultimo le 2 uova. Amalgamare il tutto.
  4. Disporre un foglio di carta da forno su un vassoio, con l’aiuto delle mani formare tante polpettine (a me ne sono venute 16). L’impasto è decisamente umido, ma resta compatto.
  5. Mettere le polpettine in frigo per qualche ora.
  6. Quando è quasi ora di cena tirare fuori le polpettine e accendere il forno a 180°.
  7. Mettere un foglio di carta da forno sulla teglia del forno, spennellarla con un filo d’olio. Dove disporremo ciascuna polpettina, mettere un mucchietto di pan grattato, poi mettere sopra la polpettina, spennellarla con poco olio e ricoprirla con un’altra spolverata di pan grattato.
  8. Infornare a 180° per 10-15 minuti.
  9. Servire con una bella insalatina primaverile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *